Parte del pensare in modo diverso è imparare a vedere in modo diverso. Possiamo imparare a farlo da varie fonti: persone come Robert Taylor, che ha inventato il sapone liquido dopo aver visto come la saponetta diventava appiccicosa dopo pochi utilizzi; registi come Jean-Luc Godard, che ha reso popolare il taglio in asse, critici letterari come Viktor Shklovsky, che ha scritto di “de-familiarizzazione”; e persino Sherlock Holmes, che ha fatto molte delle sue scoperte mentre diceva al dottor Watson (ad alta voce, con grande condiscendenza) esattamente cosa stava guardando. Vedere in modo diverso è un modo per contrastare la nostra tendenza innata ad abituarci, a sprofondare nel modo familiare di vedere e sperimentare. È anche come si costruisce il futuro.

"Think Different", diceva la famosa pubblicità della Apple del 1997. Ottimi consigli, ovviamente, a tutti i creatori, innovatori e imprenditori.

Ma, oltre a pensare in modo diverso per elaborare nuove idee o prodotti rivoluzionari, c'è anche una visione diversa. Grandi creatori, innovatori e imprenditori guardano il mondo in modi diversi da come molti di noi guardano le cose. Questo è il motivo per cui vedono opportunità che altre persone perdono.

La storia del velcro è nota. Un ingegnere svizzero, George de Mestral, decise di guardare più da vicino le bave (semi di piante) che trovò attaccate ai suoi vestiti dopo una passeggiata nei boschi. Tirò fuori il suo microscopio e vide che la natura aveva disegnato dei ganci sulle sbavature, che poi si erano attaccati alle fibre ad anello dei suoi vestiti. Nasce la famosa alternativa alla cerniera con chiusura a strappo, sotto il nome di velcro. (Oggi esiste un intero campo, chiamato biomimetica, dedicato all'imitazione della natura per risolvere i problemi umani.)

Meno nota, ma altrettanto meritevole di fama, è la storia del sapone liquido. Un imprenditore americano, Robert Taylor, ha deciso di esaminare più da vicino come apparissero effettivamente le saponette una volta scartate e utilizzate nei bagni. Zoomando sul portasapone in un ambiente altrimenti immacolato, vide una spiacevole pozza di melma. Decise che la risposta era il sapone liquido erogato in un bellissimo erogatore a pompa, ed è così che è nato il "softsoap", che ha cambiato l'intera industria del sapone.

Due brillanti imprenditori che hanno guardato le cose in modo diverso. Sia attraverso un microscopio o un obiettivo zoom, sia letteralmente o metaforicamente, hanno compiuto il passo chiave di guardare ciò che è familiare in un modo non familiare. Il grande matematico francese Blaise Pascal disse: "Le piccole menti si occupano dello straordinario, le grandi menti dell'ordinario". Sembra che avesse in mente qualcosa di simile: guarda ciò che è proprio di fronte a noi, ma guardalo in un modo che sfugge alla maggior parte delle persone.

C'è una parola per questa attività: de-familiarizzazione. Lavorando all'inizio del ventesimo secolo, un teorico letterario russo chiamato Viktor Shklovsky ha sottolineato come Tolstoj abbia ottenuto un maggiore effetto nella sua scrittura attraverso tecniche come la descrizione di oggetti da una prospettiva distorta e il rifiuto di usare i nomi consueti per gli oggetti, e generalmente "rendere strano '” (de-familiarizzare) l'altrimenti familiare. Più tardi, il grande regista francese Jean-Luc Godard ha rivoluzionato il cinema con l'uso dei tagli in asse. Data per scontata oggi, questa innovazione deve essere sembrata sconcertante a molte persone all'epoca. Fino ad allora, erano stati fatti grandi sforzi per creare un flusso continuo e uniforme ("continuità") sullo schermo. Dopotutto, un flusso continuo è il modo in cui sperimentiamo la visione, grazie al funzionamento del nostro cervello. Questo è il familiare. Ma Godard ha deciso di interrompere questo flusso per costringerci ad allontanarci dai nostri soliti presupposti e vedere i suoi personaggi come, letteralmente, nervosi e disconnessi. Ora, percepiamo i sentimenti di isolamento vissuti dai suoi personaggi e anche i loro sforzi - infruttuosi e tragici, alla fine - per connettersi l'uno con l'altro. Godard ha portato la tecnica della de-familiarizzazione dalla pagina allo schermo.

Gli esempi di questi grandi artisti danno a tutti, imprenditori inclusi, alcuni suggerimenti su come smettere di vedere il mondo in modo familiare e iniziare a vederlo in modi non familiari e generativi. Quando guardiamo al mondo, non dovremmo solo esaminare, ma esaminare con una prospettiva volutamente diversa. Non solo nominare ciò che ci circonda, ma inventare nuovi nomi. Non solo considerare il tutto, ma spezzare le cose in pezzi. Queste tecniche possono aiutarci a vedere la nostra strada verso il nuovo e il rivoluzionario, sia nelle arti che negli affari.

Sherlock Holmes ha detto una volta a Watson: “Vedi, ma non osservi. La distinzione è chiara". Ulteriori consigli su come andare oltre il familiare e invece osservare, osservare veramente, vengono dalla psicologa e scrittrice Maria Konnikova, nel suo libro Mastermind: How to Think Like Sherlock Holmes. Scrive: "Per osservare, devi imparare a separare la situazione dall'interpretazione, te stesso da ciò che stai vedendo". Come tecnica per migliorare la nostra capacità di operare in questo modo, Konnikova suggerisce di descrivere una situazione di interesse ad alta voce o per iscritto a un compagno. Come nota, Holmes ha usato Watson in questo modo per parlare delle sue osservazioni quando indagava su un caso e, spesso, era attraverso questo esercizio che i punti chiave del caso sarebbero diventati evidenti. Questa è un'altra tecnica da provare per aspiranti artisti e imprenditori, e per consulenti investigativi.

Il nostro cervello è progettato per impedirci di prestare troppa attenzione. Ciò è ben dimostrato dall'illusione ottica chiamata dissolvenza di Troxler (dal nome del medico svizzero del XIX secolo che ne scoprì l'effetto). Se ci viene presentata un'immagine stabile nell'area della nostra visione periferica, dopo un po' di tempo smettiamo di vederla. Questo fenomeno — il termine neuroscientifico generale è assuefazione — probabilmente indica un modo efficiente in cui opera il cervello. I neuroni smettono di sparare una volta che hanno informazioni sufficienti su uno stimolo immutabile. Ma questo non significa che l'abituarsi sia sempre nostro amico.

Possiamo pensare allo sforzo non solo di pensare in modo diverso, ma anche di vedere in modo diverso, come un modo per contrastare la nostra tendenza innata ad abituarci, ad immergerci nel modo familiare di vedere e sperimentare. Un modo in cui grandi artisti, imprenditori e creatori di ogni tipo escono con le intuizioni che consentono loro di cambiare il mondo è che, letteralmente, non vedono il modo in cui lo vede la maggior parte di noi. I loro metodi ci insegnano che vedendo in modo diverso, possiamo finire per vedere ciò che nessun altro ha ancora visto. Così si costruisce il futuro.


Per leggere l'articolo completo (in inglese) clicca qui

 

 

Prossimi corsi

Professione HR. I fondamentali della direzione delle risorse umane

Responsabili risorse umane e professionisti dell'area HR delle cooperative, interessati a rafforzare le proprie competenze in materia di gestione e valorizzazione del personale 

Professione HR. I fondamentali della direzione delle risorse umane

Gli eventi sociali, economici e sanitari degli ultimi due anni hanno costretto molte aziende ad una profonda riorganizzazione, talvolta perfino mettendo in discussione modelli organizzativi consolidati. Con l'avvento del lavoro smart, la distanza tra personale dipendente e organizzazione  si è ampliata, modificando le relazioni, le m...

08 feb. 2023 / 20 apr. 2023
Vai al corso
WEBINAR Diversity e Inclusion

Responsabili risorse umane e professionisti dell'area HR delle cooperative, interessati a rafforzare le proprie competenze in materia di gestione e valorizzazione del personale 

WEBINAR Diversity e Inclusion

Gli eventi sociali, economici e sanitari degli ultimi due anni hanno costretto molte aziende ad una profonda riorganizzazione, talvolta perfino mettendo in discussione modelli organizzativi consolidati. Con l'avvento del lavoro smart, la distanza tra personale dipendente e organizzazione  si è ampliata, modificando le relazioni, le m...

Vai al corso
Darsi credito. Formazione generativa per il credito cooperativo contemporaneo

Dipendenti, dirigenti e amministratori e amministratrici.

Darsi credito. Formazione generativa per il credito cooperativo contemporaneo

La complessità dell'attuale fase storica e le incertezze generate dall'inedita situazione geopolitica stanno alimentando la consapevolezza che elaborare proposte di policy per una ripresa resiliente sarà determinante per definire le visioni di medio e lungo termine nelle realtà di credito cooperativo e nei territori in cui operano. La proposta f...

Vai al corso
Il consumo che verrà. Team motivati per valorizzare soci e clienti

• Direttori e direttrici di Famiglia Cooperativa
• Responsabili di punto vendita
 

Il consumo che verrà. Team motivati per valorizzare soci e clienti

Cambi di scenario imprevisti e nuove tendenze difficilmente prevedibili sono all'ordine del giorno per chi lavora nel settore della cooperazione di consumo. Da un lato, infatti, la base sociale e, più in generale, la clientela modificano le loro richieste aspettandosi risposte sempre più tempestive e puntuali; dall'altro, il contesto socio-econo...

21 mar. 2023 / 22 mar. 2023
Vai al corso
Lavorare per obiettivi. Il project management  e il lavoro in team per la gestione del cambiamento  al tempo della ripresa e della resilienza

A chi gestisce team o progetti aziendali e intende migliorare il metodo di lavoro individuale e di gruppo 

Lavorare per obiettivi. Il project management e il lavoro in team per la gestione del cambiamento al tempo della ripresa e della resilienza

Per il manager cooperativo è oggi indispensabile essere in grado di guidare le trasformazioni in atto, attraverso una rinnovata capacità di leadership. Questo comporta la duplice sfida di dominare le tecniche di progetto e saper gestire il team, ma anche le relazioni con i portatori di interesse coinvolti, verso un obiettivo condiviso.

Il ...

Vai al corso
Amministrare responsabilmente un'impresa cooperativa

Il percorso formativo si rivolge ad amministratori e amministratrici che siedono nei consigli di amministrazione delle cooperative.

Amministrare responsabilmente un'impresa cooperativa

In un contesto sempre più complesso e mutevole, come quello attuale, per stimolare il cambiamento, sia individuale, che organizzativo, in relazione ai propri obiettivi e fini statutari, nonché al proprio specifico settore, è necessario promuovere, all'interno della propria organizzazione, azioni formative volte ad aumentare la conoscenza e la co...

Vai al corso